piombino in bici

storie e proposte del gruppo piombinese #salvaiciclisti

ciclomobilisti e ciclopendolari #1 – lucy

1 Commento

Screenshot 2015-03-31 12.40.43Quella dei ciclomobilisti e ciclopendolari è un’idea nata qualche tempo fa, in un momento di ozio invernale. Stavamo pensando al fatto che ogni giorno che passa si vedono girare in bici, negli orari di entrata e uscita dal lavoro, un bel po’ di volti nuovi. E che in fondo nel giro di un anno ognuno di noi, uscito dalla propria zona di comfort, ha avuto modo di conoscere altre persone, e sentir raccontare le loro storie.

È stato un periodo abbastanza denso di impegni, di suggerimenti, di scambio di opinioni, e per ognuno dei volti incontrati ci siamo resi conto che alla fine della storia ognuno aveva motivi diversi, aspettative diverse, e soluzioni diverse.

Abbiamo pensato di raccogliere le esperienze di tutti quelli che avevano voglia di raccontarsi, di scambiare impressioni di strada, e di offrire il proprio punto di vista unico, irripetibile e non filtrato da un parabrezza.

1900699_396441643854745_7932393766736551574_o

E in attesa di elaborare gli altri, invitando chiunque si sposti in bici in val di Cornia e passa di qui, cominciamo da Lucia, mamma, impiegata nel turismo, ciclopendolare romantica:

Quando e come è nata l’idea di utilizzare la bici per gli spostamenti casa-lavoro?
L’idea è nata a Dicembre, ma stava maturando già da tempo… il desiderio è quello di eliminare il più possibile dai miei consumi quotidiani l’uso della benzina per la salvaguardia dell’ambiente, dando un buon esempio a mio figlio. Ho la fortuna di lavorare a 10 km da casa. Inoltre ho un lavoro totalizzante, lavoro anche 10 ore al giorno e non ho mai tempo per la mia grande passione : la corsa. Quindi, per cercare di allenarmi vado a lavoro la mattina in bicicletta e a fine turno torno a casa a corsa. Ottimo allenamento per corpo, mente e coscienza.

Che tragitto percorri?
10 km all’andata e 10 km al ritorno.
Percorso Venturina-Populonia Stazione attraverso le Caldanelle

Quante volte a settimana?
Purtroppo dipende dal meteo e dai turni di lavoro. Facendo una media diciamo 3 volte a settimana, ma spero di aumentare con l’arrivo della bella stagione

Che bicicletta usi (e come si chiama, se ha un nome)?
Classica bicicletta da donna, con panierino porta-borsa

961739_422150804617162_873121710_nQuanto tempo ci impieghi?
20/25 minuti. Se me la voglio godere 30 minuti, anche 40/45 se mi fermo a fare fotografie lungo il tragitto (altra passione in fieri…)

Quando rinunci a prendere la bici, e perché?
Il primo motivo è il meteo, solo la pioggia mi ferma. Se fa freddo, non importa, mi copro bene. A gennaio, la mattina alle 6.20 fa freddissimissimo. Il secondo motivo sono i turni di lavoro. Se lavoro dalle 14 alle 23 vado in auto, per ovvi motivi di rientro a casa.

11084325_422150834617159_1690198224_nQuali ritieni siano i vantaggi principali di andare in bici a lavoro?
Sicuramente l’autostima nel sacrificio per una buona causa.
Sicuramente il beneficio che ne traggono i miei allenamenti podistici.
Sicuramente l’esempio per mio figlio e chiunque mi circondi (molti dei quali credono che sia una pazza furiosa).
Sicuramente il risparmio di soldi non spesi in benzina a fine mese.
Ma il vantaggio che non avrei mai pensato è quello di una felicità privata e personale nel godermi quella mezz’ora di bicicletta al mattino dalle 6.30 alle 7.00, in mezzo alla campagna, nel silenzio totale, in totale assenza di auto e di voci… con la natura che si sveglia proprio in quei minuti… l’alba, i primi versi degli animali delle campagne, gli uccellini, e niente che si muove, ma tutto che cresce, che fiorisce…
Arrivo a lavoro felice e serena.

E quali i fastidi?
La sveglia prestissimo… alle 5.20 tutte le mattine.

D1422472_231439760354935_351879982_nove lavori c’è un dress code particolare? Una divisa? Hai un cambio abiti?
Si, certo, mi porto dietro un cambio. Parto con tuta e scarpe da ginnastica, arrivo a lavoro, mi riassetto e mi cambio.

Utilizzi attrezzatura e accessori particolari?
Niente di particolare

Un consiglio che ti senti di dare ad altri ciclopendolari, sulla base dell’esperienza?
Non ho consigli… la mia esperienza dell’utilizzo della bici per andare a lavoro è una decisione privata e personale a cui tengo molto. Piuttosto consiglio a tutti i NON ciclopendolari di sensibilizzarsi in modo tangibile e concreto alla causa del risparmio su benzina e petrolio per la salvezza del nostro pianeta… con atti pratici appunto… cercando di non ricorrere sempre e per qualsiasi spostamento all’autovettura.

Mai fatto un calcolo del risparmio, tra benzina e mezzo?
No. Rimango una anima romantica ed una ferrea idealista. Alla fine quindi, il risparmio monetario a fine mese è la cosa che meno mi interessa.

progetto ideato e realizzato dal gruppo #salvaiciclisti piombino per la pubblicazione senza scopo di lucro sul blog piombinoinbici.wordpress.com
per partecipare, dirci la tua e farci avere qualche foto tua e della bici: salvaiciclisti.piombino@gmail.com
Annunci

One thought on “ciclomobilisti e ciclopendolari #1 – lucy

  1. Pingback: ciclomobilisti e ciclopendolari #2 – pasquale | piombino in bici

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...